Beats EP Recensione

8
  • Voto 8
Offerta

Dal prezzo straordinariamente inferiore alla soglia dei 100€, queste Beats EP sono state bilanciate perfettamente per garantire un ottimo rapporto qualità/prezzo o sono cuffie mediocri ideate per chi vuole a tutti i costi (magari per moda) il marchio Beats senza spendere una cifra esorbitante? Scopriamo in questa recensione.

Leggi Anche: Migliori cuffie da acquistare

Packaging e dotazione

  • Beats EP
  • Sacca per il trasporto

Design e qualità costruttiva

Iniziamo parlando del comfort. Le Beats EP sono cuffie comode ma, come la maggior parte dei modelli on-ear, risultano un poco strette sulla testa. Per fortuna i padiglioni sono decentemente imbottiti e sono sufficientemente confortevoli per ascoltare la musica almeno un paio d’ore. Per mia personale esperienza, non ho mai riscontrato una sensazione di affaticamento, anche dopo svariate ore di utilizzo continuo.

Beats EP padiglioni

Sfortunatamente, hanno un cavo non rimovibile che le rende meno adatte per gli sport ad alta intensità (per quello ci sono gli auricolari Bluetooth) e, oltretutto, non si piegano in un formato più compatto (per occupare meno volume in borsa) come le Beats Solo3 Wireless.

Sul cavo non manca il classico controller remoto, qui facile da usare e abbastanza reattivo. Questo ha la tipica configurazione a tre pulsanti per rispondere alle chiamate, cambiare traccia e alzare/abbassare il volume.

Beats EP controller remoto

Le EP, come la maggior parte delle cuffie Beats più recenti, sono ben costruite e fanno uso di ottimi materiali. I padiglioni sono densi e la fascia è flessibile e realizzata con una buona combinazione di plastica e metallo. Il vero punto negativo di tutta la struttura è il cavo, non rimovibile e quindi non sostituibile, che ne pregiudica inevitabilmente la vita media.

Beats EP fascia

In dotazione troviamo una sacca per il trasporto, abbastanza resistente per evitare i graffi, ma non le proteggerà di certo da acqua e cadute accidentali.

Prestazioni

Magari la costruzione riesce a nascondere la natura economica di queste Beats EP, ma l’elenco di funzioni no. C’è infatti ben poco di cui parlare: non sono Bluetooth e non hanno un sistema attivo per la cancellazione dei rumori esterni, per citarne alcune (di funzioni). Ha solo un jack da 3,5 mm e il controller su filo, stop.

Ma questo non ne pregiudica la resa sonora. In realtà sono molto più inclini alla musica di quanto ci si potrebbe aspettare da cuffie on-ear Beats di fascia economica.

Certo, non le possiamo assolutamente paragona a cuffie più costose, ma ho trovato una certa chiarezza nei suoni. Non c’è clipping digitale quando il volume è al massimo e le varie tonalità sono mediamente bilanciate fra di loro, considerando il prezzo.

Beats EP come suonano

I bassi ci sono ma non opprimono mai (a volte potrebbero far meglio), mentre la gamma media è chiara, anche se a volte si perde fra le varie tonalità. Ho trovato qualche imperfezione negli alti che, ad alto volume, possono diventare sensibilmente taglienti (dipende dalle tracce obv.).

Visto che c’è altro poco da dire, dedichiamo un paragrafo al controller su filo. Oltre ad avere un microfono integrato (ben funzionante), il pulsante multifunziona centrale, nato per mettere in pausa/play, può essere utilizzato per saltare un brano (doppio clic), tornare al brano precedente (triplo clic) e per avviare Siri (pressione prolungata) sull’iPhone. Gli utenti Android possono rispondere alle chiamate attraverso di esso ma, a seconda del telefono, potrebbero perdere alcune delle altre funzionalità (ricordiamo che il marchio Beats è di Apple).

Verdetto

Le Beats EP sono delle cuffie on-ear sorprendentemente buone. Hanno sicuramente qualche difetto, come la struttura non pieghevole e il cavo non rimovibile, purtroppo. Tuttavia, sono sufficientemente leggere, ben imbottite e suonano alla grande considerando il prezzo di vendita.

Offerta
8
  • Voto 8
Potrebbe piacerti anche